Oltre le gambe c'è di più

Femminismo-Realismo=0-1

Bianco che più bianco non si può!

“[…]Dove seriamente si celebra l’apoteosi della donna italiana è nel ramo detersivi. Dalle scenette che vedono protagonisti Vianello e Agus, due mariti ben lavati con il sapone Olà, si evince chiaramente l’idea di donna-moglie prevalente.[…]A tal punto che, finalmente soli d’estate, i 2 mariti impazzano. Ma Vianello soffre di nostalgia, e arriva al punto di ascoltare un nastro registrato con la voce di lei urlante.[…]”   “La pubblicità è femmina ma il pubblicitario è maschio” Daniela  Brancati

Possiamo fare varie riflessioni a riguardo, considerando che ci troviamo nel 1957.

1- Ruolo della donna? Casalinga

2- Linguaggio utilizzato? Pudico, visti gli anni in questione. Ricordiamo che in Carosello non si potevano pronunciare termini a nostro avviso banalissime.

3- Matrimonio? Sacro santo valore. Indissolubile. E’ sempre messo in primo quando si rappresenta una coppia.

4- Dovere etico della donna? Assicurare il bianco del bucato e il pulito nella casa. La perfezione era fondamentale.

Nella metà degli anni ’60 lo spot di un detersivo introduce un nuovo modo di rappresentare il prodotto e la donna. Sto parlando di Dash, il cui testimonial per eccellenza è Mike Bongiorno. La donna viene interpellata nei panni dell’esperta del bucato.

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Licenza Creative Commons
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: