Oltre le gambe c'è di più

Femminismo-Realismo=0-1

Barbie: simbolo di una donna-oggetto o via di fuga da una visione maschilista, retrogada e conservatrice?

Nasce nel 1959 per opera di Ruth Handler viene messa in commercio la prima Barbie all’American Toy Fair di New York. Una bambola dell’altezza di 29 cm e del peso di 11 gr che diventerà un’icona, un gioco diffuso e condiviso che stimola la creatività delle bambine che ne usufruiscono. Non immediatamente apprezzata, in quanto considerata oscena ed offensiva per la morale comune. Naturalmente và ricordato che negli anni ’60 la sessualità è ancora tenuta sotto chiave.

 Sarà un veicolo di stereotipi legati al consumismo e alla figura della donna, infatti i suoi diffamatori la definiranno come il simbolo della donna-oggetto priva di ideali e svampita, la cui unica preoccupazione è la messa in piega e l’acquisto dell’abito più alla moda. E’ possibile tuttavia far rientrare questa visione pessimistica del prodotto alla mentalità maschilistica, tradizionalista  e retrograda tipica dell’America di quegli anni, perchè in realtà la Barbie ha anche trasmesso alle bambine consumatrici la consapevolezza del loro ruolo futuro, attraverso i vari modelli che saranno commercializzati. Questa bambola ha interpretato mille ruoli, dalla dottoressa all’astronauta, dal presidente degli Stati Uniti  all’ufficiale di marina, oltre che la ballerina e la modella.

Quello ch vi propongo è il primo spot che pubblicizza la Barbie.  

Segreto del successo?… Si verifica un processo di identificazione da parte della piccola consumatrice, che può mettere in moto tutto il suo emisfero destro facendo ricoprire alla Barbie tutti i ruoli desiderati.

Oggi la Barbie è un vero e proprio fenomeno di culto e di costume, la cui immagine è fortemente mutata negli anni e le immagini sottostanti dimostrano la veridicità dell’affermazione.

1959…

1959_barbie_ornament

2000…

barbie1

Annunci

Un commento su “Barbie: simbolo di una donna-oggetto o via di fuga da una visione maschilista, retrogada e conservatrice?

  1. Ben
    settembre 18, 2009

    A me sembra solo la rappresentazione di come le donne vorrebbero essere e di come vogliono far credere alle bambine, che sono l’oggetto del contendere, come dev’essere o dovrebbe essere una donna….

    Di sicuro non è più una bambola, ma un fenomeno di costume.
    Guarda qui….http://carosello-mediaroom.com/2009/09/18/barbie-prime-foto/
    Ben

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il aprile 7, 2009 da in anni '60 con tag , , , , .
Licenza Creative Commons
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: