Oltre le gambe c'è di più

Femminismo-Realismo=0-1

Via libera ai doppi sensi!

La donna è ritratta nel suo ruolo di domestica che si occupa del bucato, ma come avete potuto ascoltare con le vostre orecchie lo spot inizia con questa affermazione “Io lo faccio di notte!”.

Ricordiamo che nel Carosello non era permesso pronunciare termini che risultassero offensivi, quali sesso, uccello o anche semplicemente intestino. In questo specifico caso, invece, si parte subito con un doppio senso che viene immediatamente risolto: “Io lo faccio di notte…il bucato!”. Il prodotto vanta di concedere alla donna più tempo per altri impegni, in quanto Biol agisce di notte. Tutto ciò potrebbe ricondurci al contesto storico che fa da sfondo alla pubblicità, ossia la maggiore partecipazione delle donne all’attività lavorativa, permessa anche dalla diffusione delle tecnologie domestiche, che diminuiscono il carico di lavoro all’interno del focolare.

La pubblicità di Carosello è ufficialmente morta, insieme allo spettacolo che offriva. In primo piano ora c’è il prodotto e le più svariate tecniche che possono portare all’acquisto di quest’ultimo, come in questo caso le figurine offerte dal concorso Miralanza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Licenza Creative Commons
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: