Oltre le gambe c'è di più

Femminismo-Realismo=0-1

Il volto femminile usato nella pubblicità corrisponde a quello reale?

Negli ultimi anni è possibile notare un certo miglioramento, uno sforzo creativo ben riuscito. Uno degli esempi più evidenti di aderenza alla realtà della donna è rintracciabile negli spot della banca SanPaolo IMI, che utilizza come testimonial Luciana Littizzetto.

Questa pubblicità ribalta totalmente il clichè tipico secondo cui l’uomo desidera la donna, infatti ora è la donna a bramare ironicamente l’uomo-bancario. La Littizzetto veste la parte di una donna comune, nei vestiti, nel trucco e nei problemi che cerca di risolvere con il contributo dell’impiegato.

Eppure sarebbe stato più semplice inserire l’immagine di una donna sexy che sorride ammiccante mentre si è intenti a compilare le varie pile di moduli. Perchè non è stata fatta questa scelta?

Il motivo è semplice e giusto. Il responsabile Corporate Image di San Paolo IMI Dino Berardi spiega il perchè:

“Gli spot della nostra banca sono tornati sugli schermi italiani dopo 4 anni, cioè dopo la campagna in occasione della privatizzazione del SanPaolo, in cui Vittorio Gasman vestiva i panni di Nostradamus.  Quella campagna ebbe grande successo e segnò un momento di svolta nella pubblicità del settore bancario.[…] Di pari passo con la dinamicità dell’offerta si è verificata un’evoluzione della domanda da parte della clientela, confermata dalle ricerche di mercato: i clienti, in misura crescente, giudicano le banche sulla base della loro attitudine relazionale.[…] E punta a presentare SanPaolo IMI come <<la banca con cui è piacevole entrare in contatto>>.[…] I creativi dell’agenzia hanno preso di petto certi luoghi comuni che vorrebbero il rapporto tra cliente e banca sempre più grigio e impersonale, ribaltandoli addirittura in un colpo di fulmine della clinte per il <<suo>> bancario.”

Uno spot, invece, che rappresenta una via di mezzo tra il vecchio e il nuovo modo di utilizzare la donna nella pubblicità è il seguente…

La serie è la stessa che volevo proporvi, ossia il campari soda, peccato che lo spot che mi interessava è introvabile. Provo a descriverlo sperando di farlo riaffiorare fra i vostri ricordi.

Viene mostrata una splendida donna elegantissima, accompagnata da alcuni uomini fino al bancone di un locale, solo in seguito si nota che gli uomini sono in realtà molto bassi. Ciò che si vuole far comprendere è che bastano 5 tappi per vincere una Bmw. Al tradizionale modo di rappresentare la donna, ossia elegante e all’interno di una macchina di lusso, viene aggiunta una piccla trasgressione, in quanto si gioca con ironia sull’immagine maschile. Al metodo tradizionale di realizzare uno spot viene aggiunto del nuovo, un elemento innovativo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Licenza Creative Commons
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: