Oltre le gambe c'è di più

Femminismo-Realismo=0-1

Negli anni ’50 già si illudono i consumatori

Negli anni ’50 la destinataria dei messaggi pubblicitari è principalmente la donna, in particolar modo colei che di professione fa la casalinga, e che per questo ha più tempo per guardare e sentire queste pubblicità e dirigere i propri acquisti quotidiani in base alla loro credibilità e forza persuasiva. Inoltre va ricordato che un qualsiasi soggetto esposto ad un messaggio pubblicitario, si sentirà più coinvolto da esso quanto più rispecchierà la propria visione del mondo.

Nel 1948 la pubblicità del Persil (poi Henkel) si presentava come una semplice illustrazione riportata in un poster. Il testo in inglese era il seguente:

Guess whose mother hasn’t jumped to this year’s news about Persil? E lo slogan:

Persil washes 7 shades whiter.

persil

Lo scopo principale di tali pubblicità non era tanto quello di permettere la vendita di un prodotto associandolo all’idea del consumo, quanto di dare al pubblico l’impressione che possedendolo si potesse avere una vita migliore e non vivere quel senso di insoddisfazione che tutti più o meno iniziano a percepire a partire dal periodo del consumismo di massa.                                                       

Myers a questo proposito afferma che se i mercati sono limitati, si arriverà al punto che nessuno comprerà più sapone. Ma se invece un produttore fa credere che il sapone presente sul mercato renda la vita migliore derivata dal suo uso, allora i mercati diventano illimitati, perché tutti desiderano una vita migliore. E’ questa la strategia attuata dalle agenzie pubblicitarie del periodo, organizzate in maniera simile a quelle che conosciamo oggi: ricerca di mercato e direzione strategica separate dal reparto dei creativi e dei copywriters.

In Italia le imprese leader nei saponi si adattano all’evoluzione del mercato e della tecnologia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 6, 2009 da in Anni '50 con tag .
Licenza Creative Commons
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: