Oltre le gambe c'è di più

Femminismo-Realismo=0-1

Donne e detersivi negli anni ’50

A partire dall’immediato dopoguerra le casalinghe vengono accontentate con un nuovo tipo di prodotto: il detersivo sintetico.

A sviluppare questo sapone alternativo è la IG Farben tedesca che, in mancanza di grassi animali, inventò il detergente sintetico noto con il nome di Igepon. Pero’ il prodotto era molto costoso, difficile da sintetizzare in laboratorio e inadatto per un uso domestico. Furono numerosi i tentativi successivi, ma invano.

E’ soltanto a partire dal ’46 che la Procter&Gamble lanciava Tide, il primo detersivo sintetico per tutti i tipi di tessuti e particolarmente adatto per il bucato in lavatrice. Il prodotto ebbe fin da subito un gran successo.

tide

In Italia intanto la Colgate-Palmolive nel ’53 commercializza Olà, un detersivo sintetico specifico per il bucato a mano. In questi anni inoltre entrano nel mercato altri prodotti della stessa categoria, quali Omo e Lux (Unilever), Lauril (SNIA-BPD).

lauril

La fabbrica di Mira Lanza nel ’48 da vita alle prime unità di solfonazione e le prime due torri di spruzzature, grazie alle quali veniva prodotto il primo detersivo in polvere della Mira: Miral. In seguito la fabbrica sviluppa Triton e Neptun. Ava invece nasce nel ’53, con la sua formula al perborato “stabilizzato” che faceva splendere il tanto famoso pulcino Calimero.

Oramai il periodo della battaglia tra detersivi era iniziata. A decretare la vittoria fu la tecnologia, l’atteggiamento della distribuzione e la pubblicità.

big_dixan11958_jpg_w560h389

Annunci

Un commento su “Donne e detersivi negli anni ’50

  1. Chiara
    settembre 20, 2009

    Ciao mi chiamo Chiara e sono finita sul tuo blog perchè stavo cercando delle voci per la mia tesina di quest anno , mi piace molto come interpreti la tua visione della donna nella pubblicità e nella società. per questo volevo chiederti se potevi mandarmi tramite e-mail qualche consiglio o informazioni da proporre nella mia tesi. aspetto tue notizie.

    Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il giugno 7, 2009 da in Anni '50 con tag , , .
Licenza Creative Commons
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: