Oltre le gambe c'è di più

Femminismo-Realismo=0-1

Corpi e ruoli di generi tra stereotipi e realtà

Venerdì 13 Maggio si è svolto a Piombino un importante convegno organizzato da Dario Cambi di Libertà e Giustizia, in cui si è discussa una tematica molto delicata di cui tanto si sente vociferare negli ultimi mesi, ovvero la questione della diseguaglianza tra i generi.

Anche io ho portato il mio contributo raccontando quello che è stato il percorso della rappresentazione della donna nella pubblicità da Carosello ad oggi, tenendo sempre conto del parallelo che esiste tra l’evoluzione della società italiana e l’evoluzione dei mezzi, dei metodi e dei messaggi pubblicitari.

Il pomeriggio si è aperto con la proiezione del video “Se questa è una donna. Il corpo femminile nei messaggi pubblicitari” di Generat(t)ive, le cui autrici sono Elisa Giomi e Daniela Pitti.

Ecco i relatori che hanno portato preziosi punti di vista ai partecipanti del convegno:

Elisa Giomi, precedentemente nominata, che ha riportato i risultati di una dettagliata inchiesta riguardante gli omicidi delle donne nei media italiani, ovvero come spesso l’informazione diffusa sia deformata e resa carica di stereotipi;

Stefano Ciccone di Maschile Plurale, il quale ha focalizzato la sua attenzione sugli stereotipi legati al genere maschile ed in particolare concentrandosi sul tema del desiderio, stretto negli schemi tradizionali;

– Le 3 blogger di Femminile Plurale, che dopo aver mostrato questo video riguardante una loro ricerca…

… hanno cercato di far riflettere su tutti quelli che sono i pregiudizi e le discriminazioni nei confronti delle donne, su quello che è il loro ruolo nella società attuale e sul tipo di pressione che quest’ultima esercita sulle donne. Queste giovani ragazze non hanno paura di dire “Sì, siamo femministe”. La loro grinta è da ammirare, dritte come frecce le loro parole…bellissimo intervento!

E via al dibattito “Verso un nuovo femminismo?“, preceduto da una toccante video intervista di Liliana BarchesiStoria di donne” grazie alla quale ho potuto “vivere” per qualche minuto quegli anni…quelli del femminismo intendo! In cui donne forti, grintose, attive, non avevano paura di scendere in piazza e ribellarsi di fronte a ruoli troppo stretti!

Il dibattito è stato acceso e sono intervenute ascoltatrici che avevano vissuto da protagoniste quegli anni rivoluzionari, tra cui ex donne dell’Udi.

Un grazie di cuore a Dario che mi ha dato la possibilità di partecipare all’evento, ai relatori che mi hanno arricchita, a Lorenza Boninu, le cui parole mi hanno SEMPRE emozionata e caricata perché lei è quella che io considero una donna con le p***e (scusate la schiettezza)!

P.s: riporto qui i post sul convegno pubblicati rispettivamente da femminileplurale e Libertà e Giustizia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Licenza Creative Commons
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: